SEREGNO-SONDRIO 2-0

MARCATORI: Magrin 2’pt, Marzeglia 38’pt.

SEREGNO (4-2-3-1): Simone Cortinovis, Cossa (Madaluni  37’st), Mureno, Magrin , Alessandro Cortinovis, Viganò, Comi (Amelotti 16’st), Lacchini, Marzeglia (Licciardello 42’st), Battaglino, Cremonesi. All. Sassarini.

A disp: Dosoli, Andreis, Di Lauro, Cavalcante, Giamberone, Lillo.

SONDRIO (4-3-3): Fascendini, Mostacchi, Frigerio (Bertolini 34’st), Colombo, Fiorina, Locatelli, Turati, Brandi, Della Cristina, Speziali (Spaggiari 25’st), Trussoni (Speziale 1’st). All. Bertolini.

A disp: Chistolini, Sem, Bongio, Martinelli, Poncetta, Secchi.

Arbitro: Saggese di Rovereto. Assistenti Latifondi di Bassano del Grappa e Andreetta di Conegliano.

NOTE – Ammoniti: Della Cristina, Speziali, Colombo e Spaggiari (So). Recupero 1’+4’. Calci d’angolo 3-3.

CRONACA – SEREGNO –  Seconda sconfitta consecutiva per i nostri ragazzi nel campionato di serie D giunto alla nona d’andata. Dopo un avvio travolgente che aveva proiettato i biancoazzurri nelle zone nobili della graduatoria, sono arrivate la battuta d’arresto casalinga contro il Pontisola e quella di oggi allo stadio Ferruccio di Seregno. Opposta a una formazione di rango, che mira neanche tanto velatamente a salire in Lega Pro, la formazione di Alberto Bertolini è riuscita a riprendersi alla grande dallo choc della rete subita dopo soli due minuti su calcio piazzato.Sul finire del primo tempo è arrivato il raddoppio dei padroni di casa su un’azione pregevole, ma nella ripresa il Sondrio ha creduto alla Remuntada, tanto che al 12’ Speziali si presentava sul dischetto del rigore per accorciare le distanze.Purtroppo la conclusione finiva sulla traversa, dove si spegnevano tutti i sogni biancoazzurri. Nonostante la sconfitta incassata, il gioco dei ragazzi di Bebeto Bertolini non è stato inferiore a quello dei brianzoli, dimostrando di essere comunque all’altezza della situazione. Il risultato finale, bugiardo per quanto visto in campo, è frutto della classe dei singoli giocatori del Seregno, su tutti il bomber Marzeglia, capace di fare la differenza spesso e volentieri. Ora non bisogna piangersi addosso, ma subito pensare alla prossima sfida senza paura e senza guardarsi indietro. FORZA RAGAZZI…E FORZA SONDRIO!!!!

SONDRIO SEREGNO                               Speziali Alessandro